Area Comunicazione

Web Magazine dell'Azienda Ospedaliera Universitaria "Federico II"

Informazioni

Questo articolo è stato scritto il giorno 14 nov 2022 da Redazione, e appartiene alle categorie: News Sito Web AOU, Prevenzione e promozione della salute, Scienza e medicina, Tutte le comunicazioni.

Funzioni di accesso

Collegati
Registrati
torna alla Home

Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, “reimpiantate” le mani ad un giovane vittima di un incidente sul lavoro

articolo scritto da Redazione

foto equipe chirurgia maniUn grave incidente sul lavoro, la corsa in ospedale e il rischio più che concreto di perdere entrambe le mani. La storia è quella di Alfonso Frasso, operaio della provincia di Caserta che lo scorso 26 ottobre, a soli 24 anni, è rimasto vittima di un grave incidente.

Immediato il trasporto al più vicino ospedale e la consapevolezza di dover predisporre un trasferimento verso un centro d’eccellenza. In pronto soccorso i medici riscontrano infatti importanti fratture multiple ai quattro metacarpi delle dita lunghe ed una seria lesione vascolare di entrambe le mani, con il concreto rischio di amputazione bilaterale. Giunto all’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, l’uomo viene accolto e curato presso l’Unità Operativa Complessa di Ortopedia e Traumatologia, diretta dal Professor Massimo Mariconda.

L’equipe chirurgica chiamata ad occuparsi del caso viene guidata dal professor Francesco Smeraglia (Ortopedico), coadiuvato dal professor Simone La Padula (Chirurgo Plastico), dalle dottoresse Morena Basso e Sara Di Maso (assistenti in formazione in Ortopedia e Traumatologia), dagli anestesisti Maddalena Zampi e David D’Auria, dal personale di sala Salvatore Zerlenga e Antonio Morra, con il tempestivo supporto della Direzione Sanitaria, guidata dalla dott.ssa Anna Borrelli, e del COIES con la dottoressa Pasqualina De Vita.

L’intervento chirurgico, di particolare complessità, è durato 10 ore ed è consistito nella ricostruzione microscopica delle arterie delle dita e dalla riparazione delle ossa fratturate e dei tendini interrotti.

«Una risposta che ancora una volta testimonia l’eccellenza assistenziale garantita dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli rispetto ad un’emergenza che è arrivata dal territorio e per la quale non si poteva perdere neanche un attimo. Un caso straordinariamente complesso, vista l’esigenza di restituire rapidamente la vascolarizzazione di entrambe le mani», sottolinea il Direttore Generale Giuseppe Longo.

A circa 15 giorni dal difficile intervento la “sopravvivenza” delle mani non è più in pericolo e dunque il rischio dell’amputazione, evenienza drammatica in un paziente così giovane, può dirsi scongiurato.

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento

Articoli recenti

Commenti recenti