Area Comunicazione

Web Magazine dell'Azienda Ospedaliera Universitaria "Federico II"

Informazioni

Questo articolo è stato scritto il giorno 10 gen 2021 da Redazione, e appartiene alle categorie: Comunicazioni della Direzione Aziendale, Iniziative ed eventi, News Sito Web AOU, Prevenzione e promozione della salute, Tutte le comunicazioni.

Funzioni di accesso

Collegati
Registrati
torna alla Home

Vaccino anti Covid, al Policlinico Federico II utilizzate il 100% delle 390 fiale ricevute. Vaccinati 2218 dipendenti

articolo scritto da Redazione

Vaccinazione anticovid_Immagine RegioneL’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli conclude oggi la prima tranche di somministrazione del vaccino anti Covid al personale medico sanitario. Usate tutte le 390 fiale consegnate dall’Unità di Crisi Regionale, con le quali si arriva ad inoculare 2218 dosi vaccinali nei primi sette giorni di attività previsti. Obiettivo finale: vaccinare i 6.000 professionisti che ne hanno fatto richiesta. Farmacisti preparatori, medici vaccinatori, infermieri, operatori socio sanitari e lo staff amministrativo sono ora pronti per il prossimo approvvigionamento, in programma martedì 12 gennaio.

«Un ottimo risultato che è frutto di un’organizzazione trasparente ed efficiente che ha saputo coinvolgere tutte le professionalità dell’Azienda. Criteri chiari, convocazioni precise, liste vaccinali aggiornate costantemente e gestione pianificata dell’overbooking per evitare sprechi», commenta il Direttore generale Anna Iervolino.

In particolare, l’organizzazione dell’Azienda si fonda su un punto vaccinale attivo dal 4 gennaio all’edificio 15, tutti i giorni dalle 8.00 alle 20.00 e altri due punti vaccinali operativi da ieri mattina all’edificio 7. Un quarto punto vaccinale sarà attivato nei prossimi giorni all’edificio 11 per costruire un “secondo binario” in vista dei richiami al 21esimo giorno. Primi ad essere vaccinati sono stati gli operatori coinvolti nei reparti Covid, poi progressivamente tutte le altre categorie, inclusi specializzandi e studenti delle scuole delle professioni sanitarie e di Medicina degli ultimi anni.

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento

Articoli recenti

Commenti recenti