Area Comunicazione

Web Magazine dell'Azienda Ospedaliera Universitaria "Federico II"

Informazioni

Questo articolo è stato scritto il giorno 06 apr 2020 da Redazione, e appartiene alle categorie: Medicina Generale e del Territorio, News Sito Web AOU, Prevenzione e promozione della salute, Tutte le comunicazioni.

Funzioni di accesso

Collegati
Registrati
torna alla Home

TELESALUTE: il servizio di telemedicina del Policlinico Federico II per i giovani pazienti neuropsichiatrici in terapia farmacologica

articolo scritto da Redazione

prof bravaccio

L’emergenza legata al Coronavirus sta mettendo a dura prova le strutture sanitarie e i pazienti su più fronti: è infatti necessario garantire assistenza ai pazienti con Covid 19 senza privare di cure quanti combattono contro altre patologie. È questo il caso dei bambini con disabilità gravi, dei ragazzi con gravi disturbi della condotta alimentare, esordi di schizofrenia, tentati suicidi.

L’emergenza psichiatrica esiste – sottolinea la prof.ssa Carmela Bravaccio, responsabile della UOSD di Neuropsichiatria Infantile dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli –. Esiste da sempre. Pochi la vogliono vedere. Ed esiste quella dell’età evolutiva, un’emergenza silenziosa, strisciante, che dura tutto l’anno e che spaventa, perché restituisce un senso di impotenza difficile da fronteggiare nella quotidianità. È un’emergenza che l’isolamento lo crea a prescindere e non perché ci sia bisogno di distanze di sicurezza. È un’emergenza che migliorerebbe, anzi, se ci fossero meno distanze, meno barriere, ma così non è. E in tempi di COVID-19, i ‘nostri ragazzi’ ci sono, ci sono sempre, non scompaiono, ma purtroppo rischiano di peggiorare. Non è difficile capire il perché. Proviamo a guardare quello che sta accadendo attraverso gli occhi di un bambino che non sa leggere la realtà, che non si rende conto di quello che succede, che si spaventa perché non ha come proteggersi con i sogni, o di un ragazzo che si rifiuta di sostenere il peso percepito della propria sofferenza, che subisce senza poter fare nulla. Ecco, questo è quanto più prossimo alla patologia neuropsichiatrica dell’età evolutiva. Che tradotto in un comportamento di un bambino con disabilità, può voler dire dare testate nel muro quando vuole uscire di casa per una passeggiata. Che tradotto in pensieri di un adolescente, può voler dire ‘Non sento più niente’, ‘Non voglio più vivere’. Adesso che tutti siamo messi a dura prova dall’isolamento, dalla paura del contatto con l’altro, dalla difficoltà di interazione, forse siamo più in grado di sperimentare empaticamente tutta l’angoscia pervasiva di questi giovanissimi e delle loro famiglie, tutte le difficoltà che stanno incontrando”, conclude la Bravaccio.

Per rispondere a questa emergenza nell’emergenza, che rischia di travolgere circa duecentomila famiglie nella nostra Regione, il Servizio di Neuropsichiatria Infantile del Policlinico Federico II continua ad essere in prima linea nella rete dell’emergenza psichiatrica in età evolutiva, assicurando ricoveri e visite ambulatoriali ai bambini e ragazzi della Campania con disturbi neuropsichiatrici in condizioni cliniche d’urgenza.

Inoltre, tutti i giovani pazienti affetti da disturbi neuropsichiatrici in terapia psicofarmacologica possono essere seguiti attraverso visite neuropsichiatriche a distanza grazie al servizio di telemedicina TELESALUTE  che consente (attraverso la piattaforma Skype) di garantire le attività di telemonitoraggio e di gestione della terapia, la rimodulazione dei piani terapeutici, nonché il supporto psicoeducativo e psichico dei pazienti e dei caregivers.

Per effettuare la prenotazione di una visita di controllo a distanza per pazienti in terapia psicofarmacologica che già afferiscono ai nostri ambulatori è necessario inviare un’impegnativa di “VISITA NEUROPSICHIATRICA DI CONTROLLO” con codice 89.01 inserendo nella motivazione “TELESALUTE” all’indirizzo mail uopsichiatriainfantile@unina.it.

Per effettuare la prenotazione di una prima visista neurospichiatrica a distanza per pazienti in terapia psicofarmacologica che afferiscono per la prima volta al nostro servizio è necessario inviare al CUP un’impegnativa di “VISITA NEUROPSICHIATRICA INFANTILE” con codice 89.7 a mezzo fax allo 081.7462722 oppure all’indirizzo mail cup.aou@unina.it.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il CUP allo 081.7464418/19/20/21 dal lunedì al venerdì, dalle 12:30 alle 16:30.

Proseguono, inoltre, le attività di telemedicina rivolte a tutti i pazienti affetti da disturbi del neurosviluppo, disturbi neurologici e psichiatrici dell’età evolutiva al fine di a garantire la continuità assistenziale e sostenere le famiglie nel proseguimento delle cure, fornendo anche materiale di supporto alla strutturazione della giornata e alla gestione emotiva legata alle limitazioni agli spostamenti:

- Supporto via collegamento skype tutti i giorni dal lunedi al venerdi dalle 13:00 alle 16:00 all’indirizzo npia.unina;
Supporto telefonico allo 081.7464598 tutti i giorni dal lunedi al venerdi dalle 8:30 alle 13:00

Per ulteriori informazioni è possibile contattare lo staff della Neuropsichiatria Infantile allo 081.7464598 tutti i giorni dal lunedi al venerdi dalle 8:30 alle 16:00 oppure inviare una mail all’indirizzo uopsichiatriainfantile@unina.it.

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento

Articoli recenti

Commenti recenti