Area Comunicazione

Web Magazine dell'Azienda Ospedaliera Universitaria "Federico II"

Informazioni

Questo articolo è stato scritto il giorno 21 feb 2020 da Alessandra Dionisio, e appartiene alle categorie: Medicina Generale e del Territorio, News Sito Web AOU, Nuove tecnologie e new media, Prevenzione e promozione della salute, Scienza e medicina, Tutte le comunicazioni.

Funzioni di accesso

Collegati
Registrati
torna alla Home

Equipe chirurgica multidisciplinare delle Aziende Ospedaliere Universitarie Vanvitelli e Federico II operano un tumore del polmone infiltrante l’aorta

articolo scritto da Alessandra Dionisio

medici in sala operatoriaUna voluminosa neoplasia polmonare sinistra infiltrante l’aorta toracica e i vasi polmonari, in una paziente di 65 anni, è stata asportata con successo grazie all’intervento multidisciplinare realizzato dall’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Toracica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” e le Unità Operative di Cardiochirurgia e Chirurgia dei Grandi Vasi dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II.

Diversi gli step seguiti prima di procedere all’asportazione chirurgica. La paziente, su indicazione del Gruppo Oncologico Multidisciplinare (GOM) del Policlinico “Vanvitelli”, è stata sottoposta a due cicli di chemioterapia per ridurre le dimensioni della neoplasia, raggiungendo l’obiettivo. Tuttavia, dalle successive indagini radiologiche la massa risultava ancora adesa alla parte discendente dell’aorta toracica e ai grossi vasi polmonari. Pertanto, considerato l’elevato rischio chirurgico, è stata pianificata una strategia multidisciplinare con l’intervento di due equipe chirurgiche: quella dell’UOC di Chirurgia Toracica dell’Azienda “Luigi Vanvitelli”, diretta dal professore Mario Santini, e le Unità Operative di Cardiochirurgia e di Chirurgia dei Grandi Vasi dirette, rispettivamente, dal Professore Emanuele Pilato e dal Professore Gabriele Iannelli.

Il team di Cardiochirurgia, composto dal Professore Gabriele Iannelli e dal Professore Luigi Di Tommasoha posizionato, nell’aorta toracica discendente, una protesi endovascolare per permettere la completa asportazione “in sicurezza” della neoplasia dall’aorta toracica. Successivamente, l’equipe cardiochirurgica federiciana ha collaborato con i chirurghi toracici dell’Azienda “Vanvitelli”, Professore Mario Santini ed il Professore Alfonso Fiorelli nell’isolamento e nella legatura dei vasi polmonari a livello della loro origine dal cuore. Da qui, si è proceduto all’asportazione del lobo inferiore del polmone sinistro, sede della neoplasia, evitando l’asportazione dell’intero polmone che avrebbe compromesso in maniera significativa la funzionalità cardio-respiratoria della paziente.

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento

Articoli recenti

Commenti recenti