Area Comunicazione

Web Magazine dell'Azienda Ospedaliera Universitaria "Federico II"

Informazioni

Questo articolo è stato scritto il giorno 24 gen 2020 da Alessandra Dionisio, e appartiene alle categorie: Iniziative ed eventi, News Sito Web AOU, Tutte le comunicazioni.

Funzioni di accesso

Collegati
Registrati
torna alla Home

Laser a luce pulsata donata alla Chirurgia Pediatrica del Policlinico Federico II

articolo scritto da Alessandra Dionisio

WhatsApp Image 2020-01-24 at 14.32.02Oggi Venerdì 24 Gennaio è stata donata alla UOC di Chirurgia Pediatrica del Policlinico Federico II, diretta dal prof. Ciro Esposito, una strumentazione laser a luce pulsata ad integrazione delle sale operatorie multimediali della Chirurgia Pediatrica situate nel Blocco Operatorio dell’Edificio 11A. L’apparecchiatura è stata donata dall’Associazione Donne per il Sociale Onlus, presieduta dalla prof.ssa Patrizia Gargiulo, da sempre vicina alle donne e ai bambini della Regione Campania.

Questa tipologia di Laser – sottolinea il prof. Esposito – va ad integrarsi con la strumentazione laser a diodi, Tullio ed Olmio già utilizzata presso il nostro centro da molti anni per interventi endourologici e per trattare gli angiomi in età pediatrica. In particolare, il laser a luce pulsata è una parte importante nell’iter terapeutico per via endoscopica dei pazienti con fistola pilonidale. Questa nuova tecnica chirurgica mini-invasiva messa a punto nel 2016 dal nostro gruppo e pubblicata sulla rivista americana Journal of Pediatric Surgery, chiamata PEPSIT (Pediatric Endoscopic Pilonidal SInus Treatment), permette di trattare i pazienti con fistola pilonidale per via endoscopica passando con una microtelecamera attraverso l’orifizio della fistola senza ricorrere alle grosse incisioni che si praticavano fono ad alcuni anni fa“.

In questo modo i pazienti guariscono prima, hanno meno dolore e sono operati in Day Surgery. Il Laser a luce pulsata permette, quindi,  una più rapida guarigione e ne migliora il successo terapeutico superando il 95% di guarigione.

Finalmente -  continua il prof. Esposito –  abbiamo iniziato ad invertire il flusso della migrazione sanitaria dei pazienti pediatrici, che prima per essere operati spesso migravano verso Roma o verso il Nord Italia. Adesso, considerando che il nostro centro è all’avanguardia in Europa per le tecniche mini-invasive, pazienti provenienti da molte regioni italiane preferiscono venire da noi presso la Chirurgia Pediatrica del Policlinico Federico II di Napoli per essere operati. Abbiamo, infatti, a disposizione le più moderne sale operatorie multimediali integrate di Chirurgia Pediatrica costruite in Italia. Presso la nostra sala operatoria vengono operati circa 1500 pazienti l’anno di cui moltissimi utilizzando tecniche robotiche, laparoscopiche, endourologiche e laser-assistite e ringrazio il Direttore Generale dell’AOU Federico II, l’Avv. Anna Iervolino che sta ulteriormente potenziando le nostre attrezzature per renderci sempre più  all’avanguardia e per permetterci di venire incontro alle esigenze dei pazienti pediatrici con gravi malformazioni congenite che curiamo ogni giorno“.

 

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento

Articoli recenti

Commenti recenti