Area Comunicazione

Web Magazine dell'Azienda Ospedaliera Universitaria "Federico II"

Informazioni

Questo articolo è stato scritto il giorno 13 nov 2018 da Claudio Pellecchia, e appartiene alle categorie: Formazione e aggiornamento professionale, Iniziative ed eventi, News Sito Web AOU, Scienza e medicina, Studi, analisi e ricerche, Tutte le comunicazioni.

Funzioni di accesso

Collegati
Registrati
torna alla Home

Citopatologia molecolare, a Napoli l’evento di formazione

articolo scritto da Claudio Pellecchia

cellule-staminali-350x233Lunedì 26 e martedì 27 Novembre, presso il Centro Congressi dell’Università Federico II di Napoli (via Partenope, 36),  nella VII edizione del congresso “Molecular Cytopathology”, i maggiori esperti italiani e internazionali discuteranno delle nuove classificazioni diagnostiche in citopatologia esfoliativa ed aspirativa e delle nuove linee guida per l’esecuzione dei test molecolari nei pazienti con carcinoma polmonare avanzato, dello sviluppo dei moderni approcci di sequenziamento di nuova generazione applicati alla citologia e alla “biopsia liquida” per la ricerca di alterazioni nel DNA tumorale circolante, nonché delle nuove problematiche diagnostiche relative ai marker predittivi di risposta all’immunoterapia.

La citopatologia consente con elevata accuratezza una diagnosi rapida e non invasiva di numerose neoplasie. La possibilità di prelevare piccoli campioni di tessuto anche da organi profondi ed in maniera poco invasiva, fa della citologia una metodica ideale per l’esecuzione di test molecolari, sopratutto per quei pazienti in stadio avanzato e pertanto non operabili. Il connubio fra citopatologia tradizionale e biologia molecolare identifica un nuova disciplina: la “Molecular Cytopathology”.

Il laboratorio di Citopatologia Molecolare dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II si occupa della determinazione di alterazioni a carico degli acidi nucleici estratti da campioni cito-istologici e da prelievi di sangue venoso con la finalità di definire le categorie di pazienti che presentano la più alta probabilità di risposta a trattamenti biologici mirati per la cura di numerose patologie oncologiche. Inoltre, attraverso il progetto TIRNET finanziato dalla Regione Campania, a cui collaborano le principali strutture ospedaliere napoletane e campane dedicate alla diagnostica del nodulo tiroideo, il Laboratorio si occupa dell’ analisi di mutazioni geniche per la stratificazione del rischio di malignità degli ago-aspirati tiroidei.

All’evento, accreditato ECM (12 crediti) per Medico Chirurgo, Biologo e Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico, parteciperanno, tra gli altri, il Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica, Farmacoutilizzazione e Dermatologia dell’AOU Federico II Maria Triassi, il Direttore dell’UOC di Anatomia Patologica Stefania Staibano, il Responsabile del PI di Diagnostica Molecolare in Citopatologia Giancarlo Troncone, meeting director dell’evento, il Direttore dell’UOC di Endocrinologia Annamaria Colao e il ricercatore del DAI di Diagnostica Morfologica e Funzionale, Radioterapia e Medicina Legale Claudio Bellevicine.

Per ulteriori informazioni, scarica la brochure.

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento

Articoli recenti

Commenti recenti